• Home
  • La Storia
  • Cenni Storici

Cenni Storici

Una residenza per anziani dalla storia importante

“Alla Principessa Maria Felicita di Savoia (1730-1801), a Lei, sorella di Vittorio Amedeo III e fondatrice del Convitto, il riconoscimento del nome di quell’Istituto che fortemente volle e realizzò”.

Il Convitto nacque per volontà della Principessa Felicita di Savoia nel settembre 1786.

È probabile che Madama Felicita, come iniziava a essere conosciuta in quegli anni, abbia dato ascolto alle richieste del suo confessore, padre Giovanni Battista Canaveri, noto per il successo nell’oratoria sacra, lo zelo e la pietà.
Impegnato a promuovere le opere di carità, padre Canaveri suggerì la creazione di un luogo che esprimesse allo stesso tempo la carità della chiesa e la munificenza della casa reale: un istituto posto sotto la tutela sabauda che ospitasse vedove, nubili aristocratiche e borghesi impoverite.

Acquistata la proprietà nel settembre 1786, Madama Felicita chiese al fratello Vittorio Amedeo di emanare una patente di riconoscimento del “Regio Convitto delle vedove nobili e di civile condizione” e di pubblicarne il regolamento. Questo avvenne il 27 ottobre 1786.